Un palco per la vita
...

Un documentario che ritrae tre persone unite dal teatro di William Shakespeare.

L’opera di William Shakespeare ha ispirato artisti da tutto il mondo per diversi secoli. Anche noi, come filmmaker, non siamo immuni al suo fascino; l’universalità delle sue opere è qualcosa di straordinario, in grado di unire persone di origini e culture molto diverse. È per questo motivo che abbiamo deciso di buttarci a capofitto nella realizzazione di questo documentario.

Il lungometraggio racconta la storia di tre persone che sono coinvolte nella messa in scena di tre pezzi teatrali basati sul lavoro di Shakespeare: ‘Il sogno di una notte di mezza estate’, un adattamento del ‘McBeth’ e una conferenza-spettacolo sul ruolo del giullare nel teatro del Genio di Stratford-upon-Avon.

Così esploriamo la vita privata dei nostri protagonisti, e il cosa li ha condotti a confrontarsi con il più grande drammaturgo di tutti i tempi.

Visto che la preparazione alle recite stava per cominciare, non abbiamo avuto altra scelta che iniziare le riprese pur senza esserci assicurati i finanziamenti necessari. Ora le riprese sono praticamente terminate, ma abbiamo bisogno del vostro aiuto per completare il documentario e mostrarlo al pubblico.

Nel nostro progetto abbiamo già investito molto tempo e molte risorse personali, e l’abbiamo fatto guidati dal più potente motore che esista: la passione. Siamo sicuri che apprezzerete ciò che stiamo realizzando e che non vediamo l’ora di potervi mostrare.

Il vostro supporto è fondamentale per la buona riuscita del progetto! Vi saremo infinitamente grati se deciderete di selezionare uno dei premi di questa campagna.

Link

https://shydragonproductions.com/

Motivazioni del progetto

“Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni”. Re Prospero, nella “Tempesta” di Shakespeare, lo sostiene per indicare l’inconsistenza delle nostre vite. Ci piace interpretare questa frase in modo diverso: i sogni sono sì evanescenti, ed evaporano al mattino, ma dentro di noi lasciano scorie che ci alimentano. Grazie ai sogni riusciamo a vivere.
La “scintilla” che ci ha spinto a tramutare un sogno in realtà è scoccata una sera d’estate del 2018, durante il Festival del Teatro, tradizionale rassegna che la Compagnia Teatro Paravento organizza nel periodo che precede il Locarno Festival. Quella sera assistevamo alla messa in scena di un’originalissima versione del “Romeo e Giulietta” (“Romeo e Giulietta – l’amore è saltimbanco”)- Sul palco allestito nel giardino del Paravento c’era lo Stivalaccio Teatro, una compagnia vicentina di teatro popolare, commedia dell’arte, teatro per ragazzi e arte di strada. Quel “Romeo e Giulietta” era una versione arguta, divertente, assieme antica e moderna della più grande storia d’amore di tutti i tempi. Veniva narrata dal punto di vista di Girolamo Salimbeni e Giulio Pasquati, due sopravvissuti all’inquisizione chiamati a mettere in scena la celebre pièce di Shakespeare per Enrico III, futuro Re di Francia; per farlo, i due scritturavano la prostituta Veronica Franco, “honorata cortigiana” della Repubblica, che per loro sarebbe diventata una Giulietta improvvisata e bislacca, eppure ammaliante e sensibile, di straordinario talento espressivo.
In quel frangente, quella sera, osservando la rappresentazione che i tre giovani attori portavano in scena, abbiamo realizzato che chiunque, e in qualunque modo, è legittimato a portare sul palco il grande drammaturgo inglese. L’unica condizione è che abbia la coerenza di farlo onestamente, entro i propri limiti, e che nel farlo provi e regali gioia. La grandezza di Shakespeare sta probabilmente nel fatto che il suo è un “teatro della vita” di tutti e per tutti, indipendentemente da anagrafe, formazione e aspirazioni di scena. Ecco quindi che è partita la nostra “caccia” a realtà teatrali diverse fra loro, ma unite da quella strana voglia di “fare Shakespeare”.
Così con grande naturalezza, grazie alla collaborazione di compagnie e singoli protagonisti, il progetto ha preso forma e in corso d’opera ha cambiato pelle: da documentario incentrato sulla “permeabilità” di Shakespeare è diventato – grazie alle specificità dei nostri protagonisti – un viaggio alla scoperta del teatro (nello specifico shakespeariano) quale strumento di integrazione.

Le compagnie

Hanno aderito al progetto, ognuna con “pezzo” diverso della produzione shakespeariana (o strettamente legato ad essa), tre compagnie:
• La Compagnia Teatro Paravento di Locarno, che ha presentato una divertente conferenza-spettacolo incentrata sui “folli” nell’opera di Shakespeare (“Di matti, di William e altre divagazioni – conferenza-spettacolo sul buffone nell’opera di Shakespeare”)
• La Bottega del Teatro dell’Associazione Giullari di Gulliver, con sede ad Arzo, che ha messo in scena una sua particolarissima rivisitazione del McBeth
• e un gruppo giovanile formato da ragazzi adolescenti, coordinato dalla regista Katya Troise (Associazione Scintille Teatro e spazio creativo) di Locarno, che ha presentato il “Sogno di una notte di mezza estate”.
La Compagnia Teatro Paravento, con sede al Teatro Paravento di Locarno, è nata 37 anni fa grazie all’iniziativa di un gruppo di ex allievi della Scuola Teatro Dimitri di Verscio. Negli ultimi anni ha una base stabile di 2 persone: il direttore artistico Miguel Àngel Cienfuegos (che fu fra i fondatori) e Luisa Ferroni. A loro, nella messa in scena di produzioni proprie, si aggiungono attori esterni. Con grande versatilità, la Compagnia Teatro Paravento ha spaziato dalla Commedia dell’arte ad altre forme di drammaturgia, facendosi riconoscere in maniera particolare per l’impronta sociale delle sue produzioni. È recente il completamento della “trilogia della lontananza”: tre produzioni incentrate sul tema dello sradicamento, delle migrazioni, dell’appartenenza o meno ad un territorio.
La Bottega del Teatro è una realtà giovane che nasce da una costola dell’Associazione Giullari di Gulliver. Registi e coordinatori sono Prisca Mornaghini e Antonello Cecchinato. Per questa produzione La Bottega del Teatro si compone di una ventina di giovani attori dai 14 ai 30 anni, alcuni dei quali “reduci” dalle attività teatrali-sociali svolte durante le colonie estive “Lazzi di Luzzo”. Particolarità interessante della Bottega del Teatro è quella di poter annoverare, grazie ad una collaborazione instaurata con Soccorso operaio svizzero, alcuni richiedenti l’asilo di provenienza eritrea, afgana e somala.
L’Associazione Scintille: teatro e spazio creativo è un’associazione culturale, educativa e artistica, che ha quale scopo principale la promozione e il sostegno dell’attività teatrale in tutte le sue espressioni. Nasce a Locarno nel 1995, fortemente voluta, fondata e diretta da Katya Troise, attrice, regista e pedagoga teatrale. Il gruppo di adolescenti, condotto dalla stessa Troise, è formato da una dozzina di ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 15 anni; si tratta dii ragazzi che amano il teatro e lo praticano come attività nel tempo libero da un minimo di tre anni; periodo, questo, considerato necessario affinché la frequenza ad un corso di teatro abbia un senso riguardo all’apprendimento delle regole di base per la recitazione, e per far sì che i ragazzi possano legare e sentirsi protetti all’interno del gruppo di coetanei e liberi di esprimere la propria creatività e i propri vissuti. Il gruppo presenterà il lavoro di Shakespeare come saggio di fine corso a giugno. “Il saggio – dice Katya Troise – è un momento molto importante di incontro con il pubblico, anche se non necessariemente il momento più importante del percorso teatrale dei ragazzi: nel “tragitto-laboratorio” avvengono infatti i veri piccoli momenti magici di crescita e scoperta del teatro”.

I protagonisti

Seid Ali, 18 anni, eritreo (La Bottega del Teatro)

Seid è nato ad Asmara, in Eritrea, dove fino a 14 anni ha vissuto con la mamma Randa e la sorella maggiore Eleni. Il papà Ali non l’ha mai veramente conosciuto: era il governatore e il presidente amministrativo della regione di Asseb ed è stato imprigionato per motivi politici quando Seid aveva 2 anni.
Da allora, Seid e la sua famiglia hanno dovuto badare a se stessi da soli e sono stati continuamente vessati dalle autorità locali in merito a presunti debiti contratti dal padre. Anche per questo motivo Seid, quando aveva 14 anni, ha deciso di lasciare il Paese con meta l’Etiopia. È partito un giorno alla fine del 2014 senza avvisare la famiglia, unendosi ad alcuni conoscenti che andavano in visita da parenti. Al confine con l’Etiopia Seid è stato preso in consegna dai soldati, che l’hanno trasferito nel campo profughi di Abaguna, dove ha incontrato altri eritrei di sua conoscenza. Da lì, è stato portato a Henxaxe, il suo secondo campo profughi. Dopo una permanenza di circa 2 settimane, ha deciso di fuggire ad Addis Abeba. Lì c’è stato il primo contatto con la mamma, alla quale ha detto che era intenzionato a rimanere in città. Ad Addis Abeba ha incontrato alcune famiglie eritree che l’hanno in pratica “adottato”, tenendolo con loro per 1 anno e 2 mesi. Ma anche Addis Abeba doveva essere soltanto una tappa. Infatti Seid ha deciso di raggiungere in bus il Sudan e poi la Libia attraversando il deserto del Sahara assieme ad un nutrito gruppo di migranti provenienti dall’Eritrea e da altri Paesi dell’Africa subsahariana. Il viaggio è durato un paio di mesi ed è stato contraddistinto, racconta, dai patimenti per la sete e la fame, nonché da un rapimento da lui subito nel deserto libico da parte di un gruppo di passatori.
Giunto in Libia, il ragazzo ha vissuto con altri migranti in un magazzino per circa 2 settimane, fino alla fine di aprile del 2016, quando il gruppo ha deciso di prendere il mare a bordo di un barcone con altre 5-600 persone. Dopo l’approdo in Sicilia (ma forse era Lampedusa) Seid è stato registrato e trasferito a Crotone, in Calabria, in un grande campo profughi che ospitava migliaia di migranti. Ci è rimasto per pochi giorni, prima di essere trasferito all’Isola di Capo Rizzuto, sul tacco d’Italia, dove è stato alloggiato in un centro per minorenni non accompagnati. Due mesi dopo, una nuova partenza in solitaria: destinazione Milano, in bus, e da Milano verso Como, prima di raggiungere il confine di Chiasso, dove è stato fermato dalle Guardie di confine e portato al Centro di registrazione. Il giorno seguente, con in mano un biglietto e una mappa per orientarsi, Seid è stato messo su un treno per Basilea. Arrivato là, vi è rimasto per 4-5 mesi svolgendo anche alcuni lavori di pubblica utilità. Infine, il ritorno in Ticino, dove è rimasto per un mese al centro della Protezione civile di Lumino ed è poi stato portato al Centro per minorenni non accompagnati della Croce Rossa a Castione, dove vive tuttora.
Un capitolo importante della vita svizzera di Seid l’ha ricoperato la Croce Rossa Svizzera, che da quando è arrivato l’ha “cresciuto”, sostenuto e accudito con il supporto di una équipe educativa. Il tutto, durante un periodo di 3 anni. Seid è considerato oggi dai vertici di Croce Rossa un “modello” per capacità di integrazione.
Nel frattempo, prima la sorella e poi la mamma hanno raggiunto Addis Abeba. Con loro Seid ha frequenti contatti telefonici. La loro intenzione è quella di raggiungerlo in Svizzera, anche se Seid sa che sarà molto difficile.
Il ragazzo, che oggi è in possesso di un permesso F di ammissione provvisoria, è stato inserito in un progetto pilota promosso dalla Segreteria di Stato della migrazione. Il progetto prevede di istituire in 4 anni 150 posti di apprendistato nei settori della logistica, dell’agricoltura, della meccanica di produzione, della ristorazione e del settore ausiliario ospedaliero.
Ha frequentato il pretirocinio di integrazione in logistica e lavorato per 4 mesi – fino a fine dicembre 2018 – al Tavolino Magico di Cadenazzo unitamente ad altri 39 rifugiati, di cui 9 eritrei dai 16 ai 27 anni. Il Tavolino Magico accoglie una cinquantina di persone provenienti da programmi occupazionali o in Assistenza. Si occupa della raccolta di generi alimentari altrimenti destinati al macero, che vengono poi ridistribuiti a oltre 1’800 persone indigenti della Svizzera italiana.
A gennaio 2019 ha iniziato un periodo di stage al Centro di distribuzione Coop di Castione, dove alcuni mesi prima si era presentato spontaneamente per iniziare a lavorare. Era stato rifiutato perché la burocrazia ha le sue regole e Seid ancora non aveva né il permesso F, né la licenza di scuola media. Ottenuto il primo e conseguito la seconda, ha potuto coronare il suo sogno di iniziare lo stage. Poi è stato assunto e ha già iniziato l’apprendistato triennale di impiegato in logistica.

Miguel Àngel Cienfuegos (Compagnia Teatro Paravento di Locarno)

Giunto in Svizzera da giovane, durante la dittatura di Pinochet in Cile, si è formato alla Scuola Teatro Dimitri di Verscio. Vive a Locarno Monti con Luisa Ferroni, dalla quale ha avuto due figli: Francesco e Simone. Miguel e Luisa gestiscono le attività e organizzano il cartellone del Teatro Paravento di Locarno e, assieme, costitituiscono il “nocciolo duro” della Compagnia Teatro Paravento di Locarno, che per le sue produzioni si avvale della collaborazione di attori esterni.

Per il documentario, Miguel e Luisa hanno appunto messo in scena una conferenza-spettacolo incentrata sui “folli”, o buffoni, nell’opera di Shakespeare”. Lo stesso Shakespeare diceva di considerarsi un “giullare”, vista l’eloquenza e la chiarezza non comuni nell’esporre concetti e tratteggiare i sentimenti dei suoi personaggi. Miguel ha ripreso l’idea da uno studio sulla figura del buffone nella storia del teatro, realizzato diversi anni fa dal grande regista francese Serge Martin, fondatore dell’omonima scuola di teatro di Ginevra. Negli anni 70 Martin incontrò Cienfuegos ad Arles quando questi recitava nella pièce “Sa Majesté”…

La figura del buffone, o “folle” – e quello shakespeariano è assolutamente paradigmatico della storia del teatro moderno – è strettamente attinente alla vita professionale di Cienfuegos, che in 40 anni di carriera teatrale si è spesso ritagliato ruoli buffoneschi, a partire da quelli che sono propri della Commedia dell’Arte (genere da sempre molto caro alla Compagnia Teatro Paravento). Una rassegna sui giullari di Shakespeare equivale quindi per Miguel ad un viaggio interiore dal passato al presente di autore e attore teatrale; un percorso durante il quale, proprio grazie all’arte teatrale, Miguel ha sperimentato la “sfrontatezza” nel poter dire, sul palco, ciò che nella vita reale spesso non può venir detto. “Il ‘folle del Re’ è l’unico che si permette – e al quale viene permesso – di esporre con lucidità giudizi trancianti che equivalgono spesso a verità inconfessabili (se non da lui). È colui che rivelando difetti e menzogne funge da coscienza del Sovrano”, dice Cienfuegos. Sostanzialmente il giullare e il folle sono i “meno matti” di tutti perché i soli in grado di inquadrare ed esporre la realtà, senza compromessi.

È prodiga di figure buffonesche anche l’infanzia cilena di Miguel, che ricorda ad esempio il “Triguito” (il Granello), un anziano mendicante che per i ragazzi, all’epoca, era il giullare, il “matto buono” del villaggio in cui il papà di Miguel fungeva da capostazione. “Il Triguito mi raccontava le storie della buonanotte tenendomi in braccio, vicino al braciere – ricorda Miguel -. Spesso ci addormentavamo entrambi. Una volta che il sonno ci colse, ruzzolai fra i tizzoni ardenti. Grande fu lo spavento, ma per fortuna ne uscii indenne”.

Ludovico Franscini, 11 anni (Associazione Scintille)

Ludovico frequenta la prima media a Minusio ed è un ragazzino vivace e pieno di idee. Ama le evoluzioni con il trotinette, suonare il pianoforte, andare con lo snowboard, cantare, il ballo hip-hop e quello moderno. Inoltre si diletta con la magia (imparata da autodidatta su Youtube) e naturalmente il teatro, che affronta con spirito sbarazzino ma anche impegnato. È il più giovane del gruppo ma si è ben integrato grazie alla sua simpatia e al suo carattere aperto. Seguirlo, per noi, ha significato salire su un ottovolante di emozioni…

Davide Martinoni, Lorenzo Pomari, Paolo Vandoni e Fabio Martino

L’idea è del sottoscritto, Davide Martinoni. Ho 49 anni e sono giornalista di cronaca locale per il quotidiano laRegione Ticino, oltre che collaboratore di “Cooperazione”, settimanale della Coop, e della “Rivista di Locarno” (Armando Dadò Editore). Da 27 anni mi occupo in primo luogo di quanto accade nel Locarnese, ma non disdegno approfondimenti di respiro cantonale. In questo senso, fra le altre cose, negli ultimi anni ho pubblicato

• un reportage-inchiesta sulle carceri ticinesi (uscito nel 2015)

• un’inchiesta sulla procedura d’asilo e la rete di sostegno e protezione dei migranti che giungono in Svizzera (uscita fra il 2012 e il 2013)

• e realizzato un dossier (tutt’ora in evoluzione) sulle Scuole speciali ticinesi.

Sento particolarmente affini al mio modo di fare giornalismo un respiro più ampio rispetto alla cronaca spicciola e uno sguardo verso temi di carattere sociale. Questo progetto di documentario risponde proprio a questi due “istinti”.

Naturalmente, mai avrei potuto imbarcarmi in questa avventura senza dei professionisti del settore audiovisivo che “traducessero” le mie intenzioni in un percorso filmato. Ho pertanto chiesto la collaborazione a due videomaker – ma prima di tutto amici – che raccogliendo la sfida hanno dimostrato grande entusiasmo e notevole sensibilità. Si tratta di Paolo Vandoni e di Lorenzo Pomari, entrambi videomaker collaboratori della Radiotelevisione della Svizzera italiana.


Paolo Vandoni è nato nel 1972 e dopo le scuole dell’obbligo a Minusio e lo studio della lingua inglese a Los Angeles, ha frequentato il Cisa a Lugano fra il 1993 e il 1994 e il Los Angeles City College fra il 1994 e il 1996, ottenendo il diploma in cinema e film-video produzioni.

Dopo uno stage a Teleticino, ha frequentato uno stage alla regia sul set di Promised Land” (produzione Amka Film di Massagno, 2001) e un seminario di direzione della fotografia e regia con Slawomir Idziak (direttore della fotografia e collaboratore di Kieslowski e Ridley Scott) nel 2006.

Con compiti di montaggio e cameraman ha partecipato fra il 2000 e il 2009 a diversi progetti. Fra essi segnaliamo

• “De vuelta al Sur” (documentario prodotto da Pic Film di Savosa e Rsi)

• “Agua Fresca” (documentario prodotto dalla Rsi).

Come assistente alle riprese ha lavorato per

• “Triste e arrabbiato, storia di Marian” (documentario Rsi per “Storie”)

• “Solo in automobile” (documentario Rsi per “Storie”, interamente girato a Los Angeles)

• e “Le vacanze del signor Pons” (documentario Rsi per “Storie”)

In qualità di videomaker e regista per la Rsi, dal 2009 a tutt’oggi ha lavorato per “Patti Chiari”, “il Quotidiano”, “Piatto Forte”, “Telegiornale”, “Squot”, “Cuochi d’artificio”, collaborando fra l’altro (per la ditta Spaid) con Aldo Sofia in Sudafrica.

Recentemente “Storie” ha presentato il suo documentario “Barba, capelli e storie di vita”, incentrato sulle vicende di tre parrucchieri attivi in Ticino.

A livello personale, dal 1995 in poi ha realizzato diversi cortometraggi e mediometraggi e un documentario (“Johnny Castle Rising Star”, nel 2006).


Lorenzo Pomari è nato nel 1986 a Locarno. Attualmente risiede a Minusio. Ha conseguito un Bachelor in Scienze della comunicazione (specializzazione in comunicazione di massa e nuovi media) all’Università della Svizzera italiana. In seguito, fra New York e Los Angeles (USA) ha frequentato la New York Film Academy – Master of Fine Arts (M.F.A.) ottenendo un diploma in Filmmaking nel settembre 2013.

Da libero professionista, con la sua Shy Dragon Productions, ha scritto e diretto numerosi cortometraggi, video musicali e brevi documentari, lavorando sull’arco di 5 anni in più di 50 set cinematografici, ricoprendo ruoli di responsabilità. È inoltre stato responsabile video di TEDxLugano ed ha realizzato video tra gli altri per il Festival del Film Locarno, Swisscom e Sony Europe. Oggi collabora regolarmente con la RSI per la realizzazione di servizi di vario tipo.

Fra i sui progetti selezionati figurano:

• “Casa Flora” – serie televisiva (video assistente. Produzione Amka Films)

• Il cortometraggio “The Washing Machine”; girato a Los Angeles (sceneggiatura, regia, produzione e montaggio); selezionato in più di 40 festival in tutto il mondo, ha vinto il Best Student Short al Dark Frame Film Festival, l’Audience Award – Best Student Film al Cannes Underground Film Festival e il Best Student Film al Los Angeles Art-House Film Festival.

• “Alla ricerca del drago” (sceneggiatura, regia, produzione, fotografia e montaggio). Proiettato al Lucerne International Film Festival.


Fabio Martino, compositore, musicista e tecnico del suono, si occuperà della colonna sonora. È membro fondatore di Yo Yo Mundi, band con cui dal 1989 a oggi ha pubblicato 15 album e tenuto oltre 1’500 concerti in tutta Europa.

Ha collaborato con Violent Femmes, Lella Costa, Teresa De Sio, Ivano Fossati e Giorgio Gaber (sua è la fisarmonica nel brano “Io non mi sento italiano”). Parallelamente, come tecnico del suono e produttore artistico, ha lavorato alla realizzazione di oltre 50 album.

Dal 2013 vive in Ticino. È entrato stabilmente nei “Vad Vuc”, per cui cura composizione, produzione artistica, registrazione e missaggi degli ultimi album. Con loro ha registrato e realizzato la colonna sonora del film “Frontaliers Disaster”, un clamoroso successo al botteghino nella Svizzera italiana.

Dal 2014 è tecnico del suono responsabile dei concerti che si svolgono al Teatro Paravento di Locarno durante il Locarno Festival e per il Paravento ha composto le musiche di diversi spettacoli, l’ultimo dei quali è stato “Piccoli passi”, la storia di un incontro fra un giovane migrante africano dei giorni nostri e un ragazzo spazzacamino ticinese di fine ‘800.

Da alcuni anni collabora con Claudio Taddei. Come compositore di musiche ha realizzato diverse colonne sonore, tra cui la sonorizzazione “live” di “Sciopero” di Sergej Ejzenstein insieme agli Yo Yo Mundi, e il film “Compagna di viaggio” di Peter Del Monte.


obiettivo
20.000,00 CHF
cifra raccolta
20.000,00 CHF
100%
cifra raccolta da
Progettiamo.ch
cifra raccolta da
altri finanziatori
299,00 CHF
19.701,00 CHF
11
finanziatori
0
giorni rimasti
948
visite al progetto

Come vuoi sostenere il progetto?

10 CHF - 49 CHF
50 CHF - 99 CHF
100 CHF - 199 CHF
200 CHF - 499 CHF
500 CHF - 999 CHF
1000 CHF - 2999 CHF
3000 CHF - 5000 CHF

Le news del progetto

Progetto realizzato!

Grazie di cuore a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del progetto!

16 agosto 2023