Salviamo le Rose di Campo Eveline
...

Un'artigiana ticinese, l'unica Rosaia del cantone, campi senza serre all'aperto

Un progetto per salvare le uniche rose di campo del Ticino. Estati troppo calde e secche hanno messo a dura prova le bellissime e profumatissime rose di Eveline. Presente da oltre 20 anni, sarebbe una grandissima perdita per l’intero territorio!

La Storia di Eveline

Eveline è partita con questo progetto nel 1995 a Loco, Valle Onsernone, piantando le prime 400 rose. Oggi si trova ad Avegno, Vallemaggia, con oltre 5’000 rose, 30 varietà di colori e profumi diversi.
In oltre 20 anni ha fatto profumare l’intero cantone, dando colore pure agli angoli più grigi delle nostre città.
Fa tutto da sola, dai lavori più duri sul campo, alla raccolta, alla vendita. Grazie a questa attività riesce a sopravvivere insieme alle sue 3 figlie. La più piccola oggi ha 14 anni.

Le Rose di Eveline

Le bellissime e profumate rose di Eveline, sono state fonte di ispirazione per tantissime persone.
Le trovate in diversi ristoranti rinomati, che vogliono solo le Rose di Eveline in centrotavola.
Alcuni alberghi del Locarnese le espongono in ricezione o nelle varie sale.
Altri clienti ci colorano gli uffici e/o appartamenti.
Sono presenti ad eventi meravigliosi come matrimoni o feste, anche ad eventi meno piacevoli come a cerimonie funebri.
Giornalisti e fotografi hanno scritto e fotografato negli anni le splendide rose della Vallemaggia.
Grazie ai mercati di Lugano e Bellinzona, durante la stagione (da maggio a novembre) vengono a rifornirsi clienti di ogni età, stile e ceto sociale.
Oltre che presente sull’intero territorio offre anche un servizio vendita 24 ore su 24, tramite il suo frigo Servisol, posizionato ad Avegno di Fuori, che ha come principio “Scegli, Prendi, Paghi”.

Sempre più siccità. Ogni anno è peggio

Nelle ultime estati sono drasticamente diminuite le piogge, mentre le temperature sono aumentate. Sono anni che si lotta contro la siccità e malgrado le tantissime ore che Eveline passa a bagnare le piante con la classica canna d’acqua da giardino, purtroppo le rose non riescono a ricrescere come dovrebbero.
Le rose usate in modo professionale fanno 3 fioriture, hanno bisogno di tante cure e acqua per ricrescere in modo forte per rigenerare boccioli con gambi robusti. Quest’anno, dopo gli ultimi 4-5 anni di periodi secchi, le piante sono più deboli.
Circa 1/4 delle piante sono morte a causa del gelo avvenuto questa primavera. Il resto delle piante sopravvissute hanno iniziato a fiorire con un ritardo di 1.5 mesi. In pratica la prima fioritura non c’é stata.
Un altro fenomeno che vediamo quest’anno è che crescono i nuovi rami… senza bocciolo. Questo é stato il segnale definitivo che ci ha allarmati e spinti a trovare urgentemente una soluzione. La soluzione? Questo progetto!

Progetto = Sopravvivere --> Aiuto

Questo progetto nasce a seguito di un malanno di Eveline, quando tutto quest’anno è diventato troppo. Il fattore lavoro è tanto ma fattibile, sono le circostanze climatiche attuali ad essere il vero problema.
Il progetto consiste nel collegare l’acqua al campo e creare un sistema d’irrigazione, di tipo goccia goccia, per permettere di inumidire costantemente le radici delle piante, senza però produrre sprechi d’acqua. Questo progetto garantisce la sopravvivenza delle rose.
Il progetto di base servirà così a finanziare il sistema d’irrigazione. Grazie ad ogni ulteriore sostegno andremo a finanziare i costi di manutenzione dei materiali (ad es: sostituzione del motore della cella frigorifera, strumento per spruzzare le rose, forbici elettriche, …).
Per avere le rose, dunque, serve l’acqua e per realizzare questo progetto abbiamo bisogno di voi!

Il vostro aiuto é prezioso e fondamentale. Con poco potremo salvare molto. Non sono solo Rose, sono una parte del Ticino.

Kay Boschetti - figlia maggiore di Eveline

Sono Kay, ho 27 anni e da quando ho 6 anni aiuto mia mamma in questa attività famigliare. Ho visto crescere le prime rose, ho imparato a fare ogni tipo di lavoro, dalla potatura, agli innesti, ecc… Nel frattempo ho preso la mia strada, lavoro da quando ho 15 anni, facendo formazioni e specializzazioni. Oggi sono mamma di Bryan, nato a Novembre 2016.

Questo progetto significa tutto per me, perché mia mamma, Eveline ha dato tutta se stessa per realizzarlo. Ha fatto sacrifici immensi, ha rischiato tutto quello che aveva, ci ha creduto e ci è riuscita. E’ una donna fortissima, ha costruito qualcosa di bellissimo. Ma non si é mai fatta aiutare malgrado ne avesse bisogno.
Per questo ora la aiuto io, mettendo in piedi questo progetto. Per realizzare qualcosa che lei oggi non è in grado di fare da sola.

Link

Pagina FB

obiettivo
12.000,00 CHF
cifra raccolta
18.917,00 CHF
158%
cifra raccolta da
Progettiamo.ch
cifra raccolta da
altri finanziatori
18.917,00 CHF
0,00 CHF
1
finanziatori
0
giorni rimasti
6109
visite al progetto

Le news del progetto

Salviamo le Rose di Campo Eveline

Grazie di cuore a tutti i sostenitori!  

16 Agosto 2019